Vivamafarka

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

SMF - Just Installed!

Pagine: 1 ... 11 12 [13] 14 15 ... 19

Autore Topic: Quale nazione?  (Letto 18202 volte)

franzicco

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3370
  • nullo se mi considero;ma da molto,se mi paragono
Re:Quale nazione?
« Risposta #180 il: Giugno 15, 2012, 05:03:43 pm »

Il problema è attraverso quale modo, quale filtro interpretano il tutto. ;)
PS: non scordiamoci che sono Cattolico Apostolico Romano, e proprio in virtù di ciò: sono il primo ad ammirare Evola, ma sono il primo a criticarlo quando, che so, mi capita di spulciare Imperialismo Pagano.

"Cattolico Apostolico Romano"  oh Dei del Cielo !!!   ::)

vabbè ,che ci vuoi fare? Ciascheduno di Noi ha i Suoi difetti...però benedetto ragazzo!

non potevi semplicemante essere un pipparolo come noartri? :D
Connesso
C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce.
1) Il denaro non è una merce
2) Il lavoro non è una merce
3) Lo Stato dispone del credito, ergo non è
    necessario che si indebiti

Venanzio

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 46
  • Movimento StraPaese
Re:Quale nazione?
« Risposta #181 il: Giugno 15, 2012, 05:03:57 pm »

Wow, spariamo calibri sempre più grossi... :)

Evola è di sicuro più fascisticamente autorevole di de Maistre, ma non è che l'opinione del primo sul secondo sia risolutiva per la maggiorparte di noi.  :D

Avevo citato De Maistre, poi chiaramente gli altri ci hanno dato dentro, solo per fare un esempio che persino lui era appartenente alla Massoneria, tutto qui.

Non mi sognerei mai di portare il messaggio De Maistriano all'interno di vivamafarka.  ;D
Connesso
I popoli nordici hanno la nebbia, che va di pari passo con la democrazia, col protestantesimo, col futurismo, con l'utopia, col suffragio universale...

L'Italia ha il sole, e col sole, non si può concepire che la Chiesa, il classicismo, Dante, l'entusiasmo, il fascismo, l'antidemocrazia, Mussolini

Venanzio

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 46
  • Movimento StraPaese
Re:Quale nazione?
« Risposta #182 il: Giugno 15, 2012, 05:05:42 pm »

"Cattolico Apostolico Romano"  oh Dei del Cielo !!!   ::)

vabbè ,che ci vuoi fare? Ciascheduno di Noi ha i Suoi difetti...però benedetto ragazzo!

non potevi semplicemante essere un pipparolo come noartri? :D

Hai ragione, Eh che ci vuoi fa!?   :D
Connesso
I popoli nordici hanno la nebbia, che va di pari passo con la democrazia, col protestantesimo, col futurismo, con l'utopia, col suffragio universale...

L'Italia ha il sole, e col sole, non si può concepire che la Chiesa, il classicismo, Dante, l'entusiasmo, il fascismo, l'antidemocrazia, Mussolini

franzicco

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3370
  • nullo se mi considero;ma da molto,se mi paragono
Re:Quale nazione?
« Risposta #183 il: Giugno 15, 2012, 05:11:15 pm »

*Questa* è una fantasia. La Magna Grecia e la Gallia Cisalpina non avevano di sicuro più a che fare tra loro di quanto non ne avessero la prima con la Grecia, e la seconda con la Gallia Transalpina.

Il massimo che si può dire è che l'Italia attuale corrisponde vaghissimamente, Libia esclusa, ad una breve fase del dominio romano, prima più ristretto e subito dopo più esteso.

A parte la dominanza linguistica del toscano - che coincide anch'esso solo parzialmente con i confini "politici" attuali, è solo il Risorgimento che retrospettivamente getta una luce "unitaria" sulla storia del territorio ricompreso nei medesimi confini per il periodo precedente, e per esempio ha giustificato per gli scolari del paese che ne è nato il fatto che venisse in primo luogo studiata la storia italiana nel corso dei secoli, ad esclusione - poniamo - di quella ticinese, corsa o libica.

Io ci vedo più corrispondenza con l'Italia di Dante e Macchiavelli.

A me Ettore Fieramosca e Giovanni dalle bande nere mi provocano un brivido patriottico(Matriottico)..
Connesso
C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce.
1) Il denaro non è una merce
2) Il lavoro non è una merce
3) Lo Stato dispone del credito, ergo non è
    necessario che si indebiti

Venanzio

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 46
  • Movimento StraPaese
Re:Quale nazione?
« Risposta #184 il: Giugno 15, 2012, 05:11:59 pm »

*Questa* è una fantasia. La Magna Grecia e la Gallia Cisalpina non avevano di sicuro più a che fare tra loro di quanto non ne avessero la prima con la Grecia, e la seconda con la Gallia Transalpina.

Il massimo che si può dire è che l'Italia attuale corrisponde vaghissimamente, Libia esclusa, ad una breve fase del dominio romano, prima più ristretto e subito dopo più esteso.

A parte la dominanza linguistica del toscano - che coincide anch'esso solo parzialmente con i confini "politici" attuali, è solo il Risorgimento che retrospettivamente getta una luce "unitaria" sulla storia del territorio ricompreso nei medesimi confini per il periodo precedente, e per esempio ha giustificato per gli scolari del paese che ne è nato il fatto che venisse in primo luogo studiata la storia italiana nel corso dei secoli, ad esclusione - poniamo - di quella ticinese, corsa o libica.

Secondo il mio modestissimo avviso, l'Italia, con le rispettive differenze tra territori, nasce con Augusto 2000 anni fa circa, federando attorno a Roma tutte le province dell'Impero.
Connesso
I popoli nordici hanno la nebbia, che va di pari passo con la democrazia, col protestantesimo, col futurismo, con l'utopia, col suffragio universale...

L'Italia ha il sole, e col sole, non si può concepire che la Chiesa, il classicismo, Dante, l'entusiasmo, il fascismo, l'antidemocrazia, Mussolini

stefano

  • CM
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 20177
Re:Quale nazione?
« Risposta #185 il: Giugno 15, 2012, 05:21:25 pm »

Il problema è attraverso quale modo, quale filtro interpretano il tutto. ;)
PS: non scordiamoci che sono Cattolico Apostolico Romano, e proprio in virtù di ciò: sono il primo ad ammirare Evola, ma sono il primo a criticarlo quando, che so, mi capita di spulciare Imperialismo Pagano.

Allora, essere evoliano è scusabile, essere cattolico apostolico "romano" comincia già ad essere un po' più che borderline. :-)

A meno che non si pensi appunto che Mussolini è venuto per restaurare il trono e l'altare, e che tutto quanto ha fatto di diverse o in contrario non sia stato altro che incidente di percorso.
Connesso

Reloaded

  • Identitario - WEP
  • CM - Fondatore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11404
Re:Quale nazione?
« Risposta #186 il: Giugno 15, 2012, 05:27:11 pm »

Non ho tempo per ora per partecipare al topic con un intervento decente, ma non ho capito bene la storia della chiesa e del sole (vedi firma di Venanzio). Venanzio potresti illuminarmi?
Connesso
Ogni volta che ascolto Sonne, mi viene voglia di fare un Putsch a Monaco.

Perciò stringo quel revolver e a ragione che mi chiedi
Risponderò
Di nuovo è tempo che gli Dei si onorino in piedi.


Forse nevicherà, alla stazione centoventicinque

stefano

  • CM
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 20177
Re:Quale nazione?
« Risposta #187 il: Giugno 15, 2012, 05:31:33 pm »

Io ci vedo più corrispondenza con l'Italia di Dante e Macchiavelli.

Sarebbero interessante capire a che territorio gli stessi facessero esattamente riferimento, ma Dante d'altronde considerava *chiaramente* l'Italia una provincia dell'Impero, e deplora che il Veltro la lasciasse in balia di se stessa.

Citazione
A me Ettore Fieramosca e Giovanni dalle bande nere mi provocano un brivido patriottico(Matriottico)..

E magari anche Enea. Ma bisogna pur rendersi conto che il passato è creato dal presente, non viceversa. A me possono dare un brivido patriottico "europeo" pure Leonida o Carlo Martello, ma chiaramente a nessuno dei due passava neppure lontamente per la testa quello che gli stessi possono oggi simbolicamente rappresentare per noi.
Connesso

Venanzio

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 46
  • Movimento StraPaese
Re:Quale nazione?
« Risposta #188 il: Giugno 15, 2012, 05:35:16 pm »

Non ho tempo per ora per partecipare al topic con un intervento decente, ma non ho capito bene la storia della chiesa e del sole (vedi firma di Venanzio). Venanzio potresti illuminarmi?

Potresti essere più preciso?
Connesso
I popoli nordici hanno la nebbia, che va di pari passo con la democrazia, col protestantesimo, col futurismo, con l'utopia, col suffragio universale...

L'Italia ha il sole, e col sole, non si può concepire che la Chiesa, il classicismo, Dante, l'entusiasmo, il fascismo, l'antidemocrazia, Mussolini

Venanzio

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 46
  • Movimento StraPaese
Re:Quale nazione?
« Risposta #189 il: Giugno 15, 2012, 05:36:18 pm »

Allora, essere evoliano è scusabile, essere cattolico apostolico "romano" comincia già ad essere un po' più che borderline. :-)

A meno che non si pensi appunto che Mussolini è venuto per restaurare il trono e l'altare, e che tutto quanto ha fatto di diverse o in contrario non sia stato altro che incidente di percorso.

Mai detto, né pensato che Mussolini sia "venuto" per restaurare il trono e l'altare.
Connesso
I popoli nordici hanno la nebbia, che va di pari passo con la democrazia, col protestantesimo, col futurismo, con l'utopia, col suffragio universale...

L'Italia ha il sole, e col sole, non si può concepire che la Chiesa, il classicismo, Dante, l'entusiasmo, il fascismo, l'antidemocrazia, Mussolini

stefano

  • CM
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 20177
Re:Quale nazione?
« Risposta #190 il: Giugno 15, 2012, 05:36:47 pm »

Secondo il mio modestissimo avviso, l'Italia, con le rispettive differenze tra territori, nasce con Augusto 2000 anni fa circa, federando attorno a Roma tutte le province dell'Impero.

Questo è già un bel cambiamento di rotta, perché Augusto arriva dopo ben sette secoli e mezzo della "storia romana" cui facevi del tutto genericamente riferimento, ma d'altronde in un momento in cui con il passaggio al principato alcuni sostengono già si buttassero le basi della decadenza futura, e quando il territorio dell'impero coincideva con quello dell'attuale repubblica italiana circa quanto con quello dell'impero asburgico. Sempre che naturalmente tu non consideri "italiana" anche la Bitinia.

Connesso

Reloaded

  • Identitario - WEP
  • CM - Fondatore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 11404
Re:Quale nazione?
« Risposta #191 il: Giugno 15, 2012, 05:58:00 pm »

Potresti essere più preciso?

"L'Italia ha il sole e col sole non si può concepire che la Chiesa..."

Volevo capire il nesso Chiesa/sole.
Connesso
Ogni volta che ascolto Sonne, mi viene voglia di fare un Putsch a Monaco.

Perciò stringo quel revolver e a ragione che mi chiedi
Risponderò
Di nuovo è tempo che gli Dei si onorino in piedi.


Forse nevicherà, alla stazione centoventicinque

Avversario

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 16878
  • Patria, lavoro, BDSM
Re:Quale nazione?
« Risposta #192 il: Giugno 15, 2012, 06:22:48 pm »

Si reazionario e antifascista come Julius Evola, Giuseppe Attilio Fanelli (Volt), Vincenzo Fani Ciotti, Mino Maccari, Leo Longanesi, precisamente.  :)

Imparate a vedere oltre, altrimenti si rischia di chiamare antifa tutto, a prescindere, come fanno gli stessi antifà.
Ah, il fascismo-bricolage...
Connesso
Amicus Plato, sed magis amica veritas.

Se mala cupidigia altro vi grida,
uomini siate, e non pecore matte,
sì che ’l Giudeo di voi tra voi non rida!

Il nuovo umanesimo dell'Occidente: l'umanesimo della scienza, della tecnica, del lavoro.

Avversario

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 16878
  • Patria, lavoro, BDSM
Re:Quale nazione?
« Risposta #193 il: Giugno 15, 2012, 06:25:45 pm »

Il Fascismo va al di là del Risorgimento, si abbevera da questo per legittimizzarsi. Garibaldi, Cavour e Mazzini polvere sarebbero stati se non ci fosse stato l'Impero Romano e la visione che da esso ne discende.

Ma tanto che ce frega? Viva il contratto sociale, Viva la Rivoluzione Francese, Viva l'Illuminismo, Viva la Massoneria, Viva il Risogggimento, Viva la democrazzia... il bello è che tra noi due, per nichilista, sono sempre io l'antifascista. Che ci vuoi fa?  :D
Io non ho mai gioito per nulla di queste balle da te citate.
Il fascismo è quello della dottrina, che non vuole andare indietro, non vuole restaurare, ma procedere oltre e ricomporre la frattura fra politica e società civile nello Stato Etico Corporativo...ops, ho detto "Stato etico", come quel tale i cui libri furono messi all'indice da quella merda di Pio XI.
Ma se non mi credi, rileggiti la Dottrina.
Connesso
Amicus Plato, sed magis amica veritas.

Se mala cupidigia altro vi grida,
uomini siate, e non pecore matte,
sì che ’l Giudeo di voi tra voi non rida!

Il nuovo umanesimo dell'Occidente: l'umanesimo della scienza, della tecnica, del lavoro.

Avversario

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 16878
  • Patria, lavoro, BDSM
Re:Quale nazione?
« Risposta #194 il: Giugno 15, 2012, 06:28:46 pm »

Ovviamente, il problema è quando si finisce con l'assolutizzare e dire: «Il Fascismo è esclusivamente questo.» Nello specifico ti dirò che sono anche d'accordo, perché non è che pongo il fascismo in una sua soggettività bigotta e a-storica, il Fascismo è figlio anche di ciò che Evola critica, fatto sta che ci sono molti aspetti positivi troppo spesso tacciati di essere reazionari.
Evola può criticare quel che gli pare: il fascismo è un'idea etica dello Stato volta al superamento in senso organicistico e mobilitante della rottura intercorsa fra politica e società civile.
Strumento utilizzato fu il corporativismo, ovvero l'integrazione funzionale dell'individuo nello Stato secondo una gerarchia fondata sul Lavoro.
O il fascismo è quello di Mussolini e Gentile, oppure è una commediola neorealista.
Connesso
Amicus Plato, sed magis amica veritas.

Se mala cupidigia altro vi grida,
uomini siate, e non pecore matte,
sì che ’l Giudeo di voi tra voi non rida!

Il nuovo umanesimo dell'Occidente: l'umanesimo della scienza, della tecnica, del lavoro.
Pagine: 1 ... 11 12 [13] 14 15 ... 19